Il diario della bottega

04/05/2020

La stagione del cambiamento

# Ed eccoci qua, la stagione più attesa dell’anno è arrivata.

La primavera con i suoi nuovi colori, profumi e primi bagliori è, spesso, dedicata alla riscoperta anche della voglia di iniziare qualcosa di nuovo. Non a caso, proprio in questo periodo, ci assale la irrefrenabile voglia di cambiamento e, a volte, di un vero e proprio stravolgimento di un qualcosa non sempre bene definito.

Che ne dite allora di cominciare dalla vostra dimora? Sì uso apposta questa parola perché è quanto di più vicino all’intimo, al personale e all’unicità; ciascuno ha la propria reggia!

La natura ci offre infinite possibilità per iniziare il rinnovamento partendo ad esempio dal “tinteggiare” le pareti (un termine a mio avviso riduttivo) con il cocciopesto?

Un materiale utilizzato già all’epoca di Plinio il Vecchio e che gli antichi romani chiamavano Opus signinum, termine latino derivante dalla città di Segni (Signa), presso Roma; un composto di mattoni e coppi frantumati mescolati con puro grassello di calce aerea che con l’aggiunta di ossidi naturali diventa di attuale eleganza ed inoltre la sua polvere di laterizio  dona all’impasto notevoli proprietà idrauliche regalandovi un intonaco resistente all’umidità.

Le vostre stanze saranno vestite di un materiale bon ton e chic tant’è che non saranno più le stesse e quando toccherete con mano, vi sembrerà che vi accarezzi, profumerà di antico ed autentico e vi regalerà un comfort mai percepito prima.

 

 

Pensate ad una parete dove posare questo splendido ed antico materiale e pensate di regalarvi dei veri ed esclusivi decori con la tecnica a graffio…sbirciate nella gallery lasciatevi trascinare dalla fantasia; tutto è possibile.

Vi ho convinti?

 

Sono Gianluca Fontispeme, creo finiture uniche personalizzate per sentirsi davvero a casa. Lo faccio per dare alle persone la possibilità di vedere realizzate le proprie idee e per essere protagonisti nella propria dimora.
Perché è importante avere un posto unico tutto per sè dove stare bene e che, chiusi fuori i pensieri, sia un “rifugio “.

Contattami